La generazione always on, sempre raggiungibile, è capace di attenzione veloce

nativi-digitali

“L’attenzione a breve termine non vuol dire necessariamente attenzione debole, può significare attenzione veloce”. […] “I ragazzini pensano di non amare lo studio perché il sistema educativo fallisce sistematicamente nel coinvolgerli. E questo li manda fuori di testa”. Il quotidiano Avvenire ospita un intervento del sociologo e massmediologo belga Derrick De Kerckove, docente di “Sociologia della cultura digitale” e “Marketing e nuovi media” presso la Facoltà di Sociologia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II. Continua a leggere