Guglielmelli: “i robot lasciano le fabbriche ed entrano nelle case”

robot-campus

La robotica si sposta sempre di più nel mercato di massa e genera numeri importanti che compensano largamente i posti di lavoro persi con l’introduzione dei robot nella produzione industriale. È questo lo scenario che dipinge Eugenio Guglielmelli, fondatore e direttore del Laboratorio di Robotica Biomedica e Biomicrosistemi del Campus Biomedico di Roma. Continua a leggere

Robotica italiana: Paolo Dario, “non siano follower, siamo leader”

Paolo-Dario

I robot non portano via il lavoro, lo “spostano”. Con numerosi esempi Paolo Dario, direttore dell’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna e del Polo Sant’Anna Valdera, spiega al microfono di Francesca Del Duca quale sarà la funzione dei robot nel futuro e come si inseriranno nel mondo del lavoro e nella vita quotidiana. Continua a leggere

Robotic Center: un’esperienza ultramegasupersonicamente emozionante!

Yuri-Robotic-Center

Yuri, 10 anni, frequenta la I C dell’Istituto comprensivo Via della Carine e qualche giorno fa ha partecipato al laboratorio We-Do al Robotic Center della Città educativa di Roma, in via del Quadraro. Su un foglio a righe ha voluto conservare memoria di una mattinata straordinaria trascorsa tra mattoncini e sensori: Continua a leggere

Al liceo Severi di Salerno la robotica educativa non ha bisogno di quote rosa

Severi di Salerno

Sono 5 ragazze e 7 ragazzi a comporre lo staff di progettisti del liceo: promuovono progetti di robotica educativa nella scuola e sul territorio e partecipano a gare internazionali, come la RomeCup. Le nuove “matricole” si chiamano Roberta, Martina e Valeria.
La prof.ssa Lucia Mazzeo, che guida lo staff di robotica del liceo scientifico Francesco Severi di Salerno, è stata tra le prime a rispondere Continua a leggere

Come cambia il modo di raccontare: dalla Lettera 22 ai Google Glass

Olivetti-32

Se avete perso la puntata della nuova serie del programma l’Eco della Storia con Gianni Riotta, dedicata a vecchi e nuovi media, ecco il link per rivederla on line sul sito di Rai Storia: www.raistoria.rai.it/articoli/l%E2%80%99informazione-dalla-crisi-dei-quotidiani-alle-notizie-on-line/23924/default.aspx
Tra gli ospiti c’è il giovanissimo Andrea Stroppa, studente quasi ventenne, già nominato tra i cento innovatori italiani di Wired. Continua a leggere

Robotica educativa: a Catania la scuola campione di Cospace Theatre

robotica-educativa-Archimede

Oggi il quotiano Il Sole 24 Ore dedica un’ampia guida alla scelta delle scuola superiore con una mappa degli istituti che hanno già realizzato una forte sinergia con le imprese. Tra questi c’è l’Itis Archimede di Catania che da anni investe nella robotica educativa: la scuola ha anche collaborato con la Fondazione Mondo Digitale per l’organizzazione della RomeCup ed è campione del mondo nella categoria Cospace Theatre. Continua a leggere

Robotica educativa: tutti al cinema aspettando la RomeCup

Cybermovie-RomeCuo

Satomi frequenta un istituto professionale, senza troppo entusiasmo o particolari aspirazioni, e fa parte di uno dei due team di robotica della scuola, quello  che riscuote meno successi in gara. Satomi, che non sopporta di perdere, trasforma la partecipazione al Torneo nazionale di robot in una sfida con se stessa, ritrovando inaspettate energie e scoprendosi fortemente determinata. Continua a leggere

Robi, il robot che si compra in edicola come le figurine. Ma è già programmato

Robi

Robi, creato da un designer giapponese specializzato in robotica, Tomotaka Takahashi, 38 anni, è un progetto tutto italiano, firmato dalla De Agostini Publishing. L’azienda, guidata da Alessandro Belloni, ha un giro d’affari di 500 milioni di euro e una presenza in 53 Paesi.
A marzo del 2013 Robi è stato lanciato in Giappone con una collezione in 70 uscite con un enorme successo: 100mila piccoli Robi da costruire pezzo a pezzo, settimana per settimana, in altrettante case giapponesi. Continua a leggere

Robotica educativa: RoboBee, l’ape robot, è ora un microdrone

ape-robot

I bambini della scuola dell’infanzia e della scuola primaria muovono i primi passi nella robotica educativa con Bee-Bot, l’ape robot, un “giocattolo-robot” progettato per la scuola. L’ape robot, chiamata anche l’apina, consente ai più piccoli di avvicinarsi con il gioco al mondo della robotica e ad apprendere le basi dei linguaggi di programmazione, li aiuta a visualizzare i percorsi nello spazio, a sviluppare la logica e a contare, e a muoversi nello spazio (vedi Robotica educativa, Primi percorsi e giochi interattivi). Continua a leggere

L’uomo robot: la tecnologia indossabile

Ces

Il Corriere della Sera racconta le novità in mostra al Consumer Electronic Show di Las Vegas e definisce il 2014 l’anno della cura di sé digitale. L’inviato dell”agenzia Ansa descrive i nuovi trend del 2014. Ma quali sono le conseguenze della tecnologia indossabile per la privacy? Continua a leggere