Per combattere le disuguaglianze servono più risorse. Per l’istruzione

high-scuola

Secondo il professore emerito Tullio De Mauro “La scuola può assumere più pienamente il ruolo di luogo di riscatto dalle disuguaglianze ereditarie, ovviamente se sorretta da adeguati investimenti. Dal 2008, a prezzi costanti, politiche miopi li hanno ridotti in quasi tutta l'Unione (tranne che nel Regno Unito e in Germania, Austria e Svezia)”.

Continua a leggere

Non possiamo aspettarci un forte sviluppo dell’istruzione senza risorse e riforme

banner-monitor

Dalle pagine di Internazionale il professore emerito Tullio De Mauro torna sulla questione degli investimenti nelle risorse umane e nella istruzione, prendendo spunto dall'ultimo rapporto pubblicato dalla Commissione europea Education and training monitor, che mette a confronto diversi parametri (abbandono scolastico, competenze di base, apprendimento permanente, transizione verso il mercato del lavoro, mobilità professionale) e i livelli da conseguire entro il 2020 per ciascun paese.

Continua a leggere

Secondo il Censis studiare non funziona più da ascensore sociale

acensore-sociale

È stato dedicato alla scuola il terzo dei quattro incontri del tradizionale appuntamento di riflessione di giugno “Un mese di sociale”, promosso dal Censis sul tema de “I vuoti che crescono”. Ieri si è parlato di scuola come strumento di mobilità sociale. Al primo impiego solo il 16,4% dei ventenni è salito nella scala sociale rispetto alla famiglia di provenienza. Continua a leggere