Riccardo Luna: i telefonini fanno da babysitter al posto della tv

social-baby

"Il senso vero della rivoluzione digitale non è creare una generazione di automi connessi, ma di liberare la creatività di ciascuno". Riccardo Lunadigital champion del governo Renzi, interviene nel dibattito sull'uso delle nuove tecnologie da parte dei minori. Il suo contributo è pubblicato oggi a doppia pagina sul quotidiano La Repubblica.

Continua a leggere

Chi governa la Rete? Diritti e doveri on line. Arriva la Carta

internet_delle_cose
Mentre è in arrivo la Carta dei diritti degli utenti di Internet, che sarà presentata dal professor Stefano Rodotà il prossimo 13 ottobre alla riunione dei Parlamenti dell'Ue, dalla rassegna di stampa oggi vi proponiamo un interessante contributo di Juan Carlos De Martin. Editorialista, informatico e accademico italiano, De Martin spiega con cun linguaggio molto chiaro perché i governi si stanno occupando di "Internet Governance".

Continua a leggere

Crescono gli onnivori digitali, anche tra la terza età

onnivori-digitali

Per gli italiani, sempre più onnivori digitali con meno differenze di genere e generazionali, internet è diventata la prima fonte di intrattenimento. Il dato emerge dall'ottava edizione della ricerca State of Media Democracy, condotta per il secondo anno anche in Italia. Lo studio, parte di un progetto del Global TMT Research Center di Deloitte, considera:

Continua a leggere

Vivere sempre connessi come ci cambia? Ci rende peggiori, migliori o diversi?

vivere-connessi

Social network, quotidiani online, mail, motori di ricerca… La vita quotidiana è diventata un flusso di informazioni che, grazie a tablet e smartphone, ci seguono ovunque, giorno e notte. Ma l'essere sempre connessi, disponibili e raggiungibili, quali effetti ha sul nostro cervello? E questo cambiamento ci rende peggiori, migliori o diversi?

Continua a leggere

Internet visto da Zygmunt Bauman, il teorico della società liquida

zygmunt-bauman

Oggi il quotidiano La Repubblica propone un contributo del sociologo e filosofo polacco Zygmunt Bauman che analizza il rapporto tra offline e online e i principali problemi che comporta il vivere connessi. E su questo stesso tema Bauman interviene venerdì prossimo 27 giugno al Premio Hemingway. A presentare l’incontro dal titolo  “Online-Offline. Dimensioni della contemporaneità” è lo scrittore Alberto Garlini Continua a leggere

Digital Agenda Scoreboard: il 50% degli europei non ha competenze digitali per lavoro

dig-agenda-banner

Secondo il rapporto annuale della Commissione europea Digital Agenda Scoreboard 2014, che valuta la diffusione di Internet nei paesi dell’Unione, aumenta il gap fra l’avanzata delle tecnologie della rete e le competenze digitali per lavorare nel nuovo ecosistema del web.
Nonostante cresca il numero di cittadini che usa internet, quasi il 50% della popolazione non ha competenze digitali sufficienti per l’ambiente di lavoro. Continua a leggere

Smartphone e tablet: studio europeo su bambini e adolescenti

Highlight-robot-Lego

Quasi la metà dei bambini e degli adolescenti, esattamente il 46% tra 9 e 16 anni, possiede uno smartphone, il 41% lo usa quotidianamente per navigare su internet, il 20% possiede un tablet e il 23% di questi lo usa per stare on line ogni giorno. Quasi tre giovani su quattro (72%) percepiscono il disagio di una eccessiva dipendenza dallo smartphone, dal dover essere sempre connessi e quindi “presenti”, anche se solo virtualmente. Continua a leggere

Se “crolla internet” siamo pronti a reagire al buio elettronico?

buio-elettronico

“La gente non si rende conto che oggi tutto dipende dalla Rete, nessuna funzione vitale può continuare se si blocca Internet. Qui negli Stati Uniti si spegnerebbero tv e cellulari, si fermerebbero bancomat, supermercati, distributori di benzina. Ecco perché il maggiore pericolo sarebbe il panico, il folle panico delle prime 48 ore, quando la gente non sa che fare, non ha notizie, non ha istruzioni, non ha mai fatto un’esercitazione per prepararsi. Continua a leggere

“Let the web serve the world”: 25 anni di World Wide Web

Connected-world

Oggi, 12 marzo, il World Wide Web compie 25 anni. Il 12 marzo del 1989 l’informatico inglese Tim Berners-Lee pubblicava un saggio tecnico dal titolo “Management dell’Informazione: una proposta“, in cui esponeva un metodo per migliorare le comunicazioni all’interno del Cern di Ginevra. Ed è diventata la data convenzionale per festeggiare la nascita del www. Continua a leggere

Cyberbullismo e regole per il web: l’intervento di Laura Boldrini

ragazze-cuffie

Di violenza e anonimato nei social network ne abbiamo parlato ieri proponendovi l’articolo di Staglianò. Oggi sul tema torna la presidente della Camera, Laura Boldrini, con una lettera al Corriere dalla Sera e un appello a genitori ed educatori, ma anche alle istituzioni: “C’è un lavoro di proposta e di raccordo al quale le istituzioni non possono sottrarsi”. Continua a leggere