Rapporto giovani: “Chiedimi se sono felice”

chiedemi-se-sono-felice

Oggi, giovedì 16 aprile, l’Università Cattolica e l’Istituto Giuseppe Toniolo organizzano un convegno su giovani, famiglia e felicità dal titolo “Chiedimi se sono felice”. L’appuntamento approfondisce i dati tratti dal Rapporto Giovani 2014 e vede la partecipazione di numerosi ospiti interni ed esterni all’Università. Tra loro, il comico Franz del duo Ale e Franz, che sarà intervistato da Claudio Bernardi, docente di Drammaturgia all’Università Cattolica di Brescia.

Continua a leggere

Periferie: alla ricerca di frammenti di città felici

edicola

Forse non è un caso che la Palestra dell'Innovazione sia nata proprio in periferia, alla fine di via del Quadraro, tra la via Tuscolana e la via Appia, a un passo dall'acquedotto. Se il Quadraro nasce come agglomerato urbano un po' residuale, con un certo disordine, da sempre coltiva il sogno segreto di diiventare una seconda Trastevere o una nuova San Lorenzo. Senza però perdere l'dentità e l'orgoglio di periferia.

Continua a leggere

La forza di 1,8 miliardi di giovani può trasformare il futuro

Telavi Youth Festival Volunteers_Banner_Vrsn 2

È la popolazione giovane più numerosa della storia: sono 1,8 miliardi in tutto il mondo i/le giovani di età compresa tra i 10 e i 24 anni, su una popolazione mondiale di 7,3 miliardi di persone. Secondo le proiezioni delle Nazioni Unite, raggiungeranno i 2 miliardi entro la metà del secolo attuale.

Continua a leggere

Ocse, allarme lavoro in Italia: precario un giovane su due

acensore-sociale

Secondo il rapporto Ocse Employment Outlook la disoccupazione degli under 25 in Italia nell'intero 2013 ha toccato quota 40%, quasi il doppio del livello pre-crisi (20,3% nel 2007). La percentuale è leggermente più elevata tra le donne (41,4%) che tra gli uomini (39%). Il 36,3% degli under 25 italiani occupati resta nel suo posto di lavoro per meno di 12 mesi. Percentuale che sale al 40,2% per le giovani donne. In Italia, la quota di neoassunti con un contratto precario è al 70%, "una delle più elevate tra i Paesi Ocse".

Continua a leggere

C’è almeno un Neet in una famiglia su quattro

giovani-vittoriosi

Il Rapporto Famiglie e lavoro 2013 curato da Italia Lavoro mette in luce l’impatto della crisi sulle famiglie dal punto di vista della condizione occupazionale.  Un impatto pesante: preoccupanti sono le ripercussioni del fenomeno dei Neet, cioè dei giovani che non lavorano, non studiano e non fanno formazione: 1.967.888 famiglie (cioè il 28,9% di quelle con almeno un componente di 15-29 anni) hanno almeno un Neet tra i suoi membri e il 12,7% ne ha addirittura più di uno. Continua a leggere