All’Ospedale pediatrico Bambino Gesù arriva il robot Lokomat

Lokomat (2)

Domani, 16 luglio, appuntamento alle 11.30 presso la sede di S. Marinella dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù per scoprire il nuovo robot “Lokomat” per la riabilitazione motoria pediatrica, donato dalla Fondazione Roma. Si tratta di un esoscheletro robotizzato controllato elettronicamente con un sistema di allevio del peso e un tapis roulant. I supporti si applicano agli arti inferiori e forniscono un’assistenza diversificata alle gambe. Continua a leggere

Mondiali: a dare il calcio d’inizio è un ragazzo che indossa un esoscheletro

esoscheletro

Già all’inizio dell’anno era considerato uno degli eventi più attesi in campo scientifico, in grado di contrassegnare il 2014 come indimenticabile: “un esoscheletro meccanico permetterà a una persona con una lesione nervosa a dare il calcio di inizio ai Mondiali di Calcio in Brasile”, anticipava a gennaio la rivista Nature. L’esoscheletro che esordirà nella Coppa del Mondo di calcio sarà il simbolo delle tante ricerche tese a realizzare nuove generazioni di protesi controllate dal cervello umano. Continua a leggere

Robotica di servizio: Inail e Sant’Anna sperimentano un esoscheletro per la mano

robotica-di-servizio

Dalla sala stampa dell’Inail, nostro partner nei progetti e-Care Family e The Italian Makers, vi proponiamo questa notizia che racconta l’avvio di una sperimentazione per restituire la sensibilità perduta alla mano, grazie ad un esoscheletro. E, come ogni anno, alla RomeCup 2014 sarà dedicato ampio spazio anche alla biorobotica e alla robotica di servizio. Continua a leggere

I robot indossabili arrivano in corsia anche al Sud

robot-indossabile

robot indossabiliL’esoscheletro Ekso, un robot nato per esigenze belliche e adattato, con modifiche ingegneristiche, a funzioni di riabilitazione, è ora in dotazione come unico del Sud Italia nei Centri di riabilitazione motoria Padre Pio di San Giovanni Rotondo (Foggia), e sarà a giorni disponibile per i pazienti in maniera itinerante negli ambulatori e nelle strutture residenziali della Fondazione. Si indossa e permette una maggiore libertà di movimento. Così scrive l’agenzia Ansa. Continua a leggere