“I giovani siano artigiani”: la crisi del lavoro vista dai pensionati

progetto-nonni-in-Internet-1

“Noi ai giovani non diano consigli, diamo motivazioni”. Cecilia Stajano (@CStajano) incontra a Roma Bruno Moriena, presidente di CNA Pensionati Piemonte, il sindacato promosso dalla Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa. L’organizzazione è partner del progetto Tra generazioni, l’unione crea il lavoro, promosso da Fondazione Mondo Digitale e Google Italia.
Una breve testimonianza, quella di Moriera, che rivela una lucida consapevolezza e una grande solidarietà per la condizione giovanile. Continua a leggere

Guglielmelli: “i robot lasciano le fabbriche ed entrano nelle case”

robot-campus

La robotica si sposta sempre di più nel mercato di massa e genera numeri importanti che compensano largamente i posti di lavoro persi con l’introduzione dei robot nella produzione industriale. È questo lo scenario che dipinge Eugenio Guglielmelli, fondatore e direttore del Laboratorio di Robotica Biomedica e Biomicrosistemi del Campus Biomedico di Roma. Continua a leggere

Robotica italiana: Paolo Dario, “non siano follower, siamo leader”

Paolo-Dario

I robot non portano via il lavoro, lo “spostano”. Con numerosi esempi Paolo Dario, direttore dell’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna e del Polo Sant’Anna Valdera, spiega al microfono di Francesca Del Duca quale sarà la funzione dei robot nel futuro e come si inseriranno nel mondo del lavoro e nella vita quotidiana. Continua a leggere

Scuola superiore: quattro anni bastano? L’opinione di Tullio De Mauro

De-Mauro-docenti

In edicola da appena una settimana il nuovo quotidiano Pagina 99 affronta subito le sfide chiave della scuola italiana. E con un’intervista a Tullio De Mauro riprende la questione della durata dei cicli di studio, 12 o 13 anni? “Sicuramente dobbiamo ammettere che in quei paesi europei, dove l’uscita da scuola è fissata all’età dei 18 anni, la cosa funziona bene.  Continua a leggere

Fusacchia: per Asal autonomia significa fare innovazione insieme

bambini

In poco più di un minuto Giuseppe Fusacchia, dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo Antonio Rosmini nella zona nord di Roma, spiega cosa significa autonomia per l’Asal, che associa istituzioni scolastiche singole e reti di scuole, per un totale di oltre 400 strutture.  Tra i settori tematici che organizzano il lavoro comune c’è quello dell’innovazione. Continua a leggere

De Mauro, come si sviluppano capacità linguistiche e matematiche

De-Mauro-bambini

Come di consueto vi proponiamo la rubrica Scuole firmata del professore emerito Tullio De Mauro su Internazionale (n. 1038) che questa settimana affronta il tema dell’apprendimento e dello sviluppo delle competenze matematiche, partendo dalle posizioni di Conrad Wolfram. Per consentire gli opportuni approfondimenti rendiamo il pezzo ipertestuale, aggiungendo alcuni link di riferimento. Continua a leggere

Boeri: “La scuola è la più grande infrastruttura sociale del Paese”

scuola-bene-comune

Per lo spazio del nostro blog dedicato alle “Opinioni” oggi vi proponiamo l’intervento di Stefano Boeri, architetto e politico, pubblicato sul numero del magazine Vita in edicola, disponibile anche on line, proprio per allargare il dibattito sulla scuola, il “bene comune” per eccellenza. “Eppure – scrive Boeri – la scuola resta un luogo verso cui la politica ha un atteggiamento schizofrenico”.

Scuole Aperte, una grande opportunità Continua a leggere

De Mauro: “chi insegna pare trovare incentivi solo in se stesso”

De-Mauro-scuola

Nella rubrica settimanale “Scuole” sulla rivista Internazionale (numero 1037), il professore emerito Tullio De Mauro prende spunto dall’ultimo rapporto Unesco sull’educazione per tutti per chiedersi: come attirare le persone migliori nell’insegnamento? Cinque testimonianze da diverse parti del mondo per concludere che forse “pochi paesi a parte, chi insegna pare trovare incentivi solo in se stesso”. Continua a leggere

Giuseppe Fusacchia: “Ci interessano le tecnologie per crescere”

tecnologie per crescere

Il Corriere della Sera di ieri ha dato ampio spazio alle posizioni dei genitori della scuola primaria Iqbal Masih di Roma titolando “La scuola che non vuole usare i tablet”.
Entriamo anche noi nel dibattito tra innovatori e scettici digitali dando voce alle diverse esperienze delle scuole, per capire come vengono usate le nuove tecnologie.
Il dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo Antonio Rosmini di Roma, Giuseppe Fusacchia, ci spiega Continua a leggere

Un giovane su cinque non studia e non lavora: i Neet secondo il rapporto Toniolo

rapporto-giovani-Neet

Il quotidiano economico Il Sole 24 Ore, oggi in ediola, racconta il rapporto “La condizione giovanile in Italia Rapporto Giovani 2013”, curato dall’istituto Giuseppe Toniolo, mettendo a fuoco la condizione dei Neet. Dall’ntervista ad Alessandro Rosina, docente di statistica sociale e coordinatore della ricerca, emerge l’esistenza di una fascia particolarmente a rischio, quella dei rinunciatari. Continua a leggere