e-Democracy: la Festa dell’Europa che partecipa

La Festa dell’Europa che si celebra oggi, 9 maggio, alla Palestra dell’Innovazione è cominciata due giorni fa con l’evento European e-Participation Day, organizzato in contemporanea in 11 paesi europei grazie al progetto E-UROPa. Il 9 maggio 1950 è nata l'Europa comunitaria. Le nazioni europee cercavano di risollevarsi dalle conseguenze devastanti della Seconda guerra mondiale, conclusasi cinque anni prima, ed erano determinate ad impedire il ripetersi di un simile terribile conflitto.

Ecco le prime righe della dichiarazione del 9 maggio 1950 pronunciate da Robert Schuman, ministro francese degli Affari esteri, e redatta in collaborazione con il suo amico e consigliere, Jean Monnet: “La pace mondiale non potrà essere salvaguardata se non con sforzi creativi, proporzionali ai pericoli che la minacciano”.

Proprio la creatività è stata la parola chiave che ha attraversato come un filo rosso le attività proposte dalla Fondazione Mondo Digitale per European e-Participation Day alla Città Educativa di Roma, negli spazi della Palestra dell'innovazione.

Ad esempio, con Lego Serious Play i ragazzi hanno rappresentato una petizione su ambiente, immigrazione e lavoro e l'hanno raccontata agli altri. Poi le petizioni sono state votate.

Ecco un video allo stato "grezzo" che racconta alcune fasi del laboratorio di e-participation animato da Cecilia Stajano, facilitatrice certificata nella metodologia Lego Serious Play:

La giornata ha permesso di esplorare varie forme di e-participation, come chat, petizioni, consultazioni… Nel video le prime impressioni dei giovani intervistati da Rosy D'Elia.

Tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Comments are closed.