Persone che si ignorano stanno salvando il mondo

La scorsa settimana, su Internazionale, il professore emerito Tullio De Mauro ha raccontato una storia insolita, tutta italiana, che mette insieme esperienze recenti e più lontane e ha come protagonisti bambine e bambini. Si fa riferimento a Roberto Papetti, detto mastro Nocciola, al Movimento di cooperazione educativa e alla poesia Los justos di Borges. La poesia ve la proponiamo letta da Arnoldo Foà.

 

De-Mauro-scuolePacifici giusti in cammino
di Tullio De Mauro
Internazionale, numero 1100, 30 aprile / 7 maggio 2015 

Ogni eccezione ha la sua regola, avrebbe detto Totò. Nel saltare da un paese all'altro per vederne le scuole, stavolta ci fermiamo in Italia per vedere partire una carovana fatta di personaggi, i pacifici, da immaginare e ritagliare e colorare su cartone, e di bambine e bambini veri. La meta è un luogo, un paese da trovare e costruire: si chiama Pace. L'idea è di Roberto Papetti, si può scrivere a luciana.bertinato@alice.ìt per saperne di più. La carovana farà una prima tappa in ottobre al congresso del Movimento di cooperazione educativa a Bastia Umbra ed è aperta a tutti i bambini capaci di inventare una definizione di chi è un pacifico, un giusto, e di costruirne la sagoma su cartoncino colorato.

E chi è un giusto? Lo diranno i bambini dopo aver letto la poesia di Borges Los justos: "Un hombre que cultiva su jardin, como quería Voltaire. / EI que agradece que en la tierra haya musica, / EI que descubre con piacer una etimologia. / Dos empleados que en un café del Sur juegan un silenzioso ajedrez luna partita a scacchi]. / El ceramista que premedita un color y una forma, / EI tipografo que compone bien esta página, que tal vez no le agrada. / Una mujer y un hombre que leen los tercetos finales dc cierto canto. / El que acaricia a un animai dorrnido. / EI quel justifìca o quiere justificar un mal que le han hecho. EI que agradece que en la tierra haya Stevenson. / EI que prefiere que los otros tengan razón. / Esas personas, que se ignoran, estan salvando el mundo".

Bookmark the permalink.

Comments are closed.