L’intelligenza artificiale va orientata. Lettera aperta di 400 scienziati

intelligenza-artificiale-banner

I progressi nell'uso dell'intelligenza artificiale vanno limitati per evitare che questa tecnologia possa danneggiare il genere umano. Lo afferma una lettera promossa dal Future of Life Institute e firmata da centinaia di ricercatori di tutto il mondo, fra cui Stephen Hawking ed Elon Musk. La lettera è stata pubblicata due giorni fa sul sito dell'associazione e ha già migliaia di firme. L'intelligenza artificiale (AI), si legge, può farci raggiungere traguardi ambiziosi come l'eradicazione delle malattie o della povertà, ''ma deve fare solo quello che noi vogliamo che faccia''.

Continua a leggere