Come si sceglie la scuola superiore? Per l’orientamento c’è Filos

Il 44% dei diplomati dichiara di aver sbagliato a scegliere la scuola fatta. Lo rivela il rapporto “Le scelte dei diplomati” sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore, realizzato da AlmaDiploma e da AlmaLaurea.
I giovani che abbandonano gli studi senza conseguire un titolo di studio sono calo ma l’Italia è ancora lontana dagli obiettivi europei. Secondo i dati Istat, disponibili per il 2012, la quota di giovani che ha interrotto precocemente gli studi è pari al 17,6 per cento, il 20,5 tra gli uomini e il 14,5 tra le donne.

Ma come si può contrastare attivamente la dispersione? Un ruolo cruciale è giocato dall’orientamento. Per questo nella Regione Lazio è stato attivato il progetto Filos, che vede in azione quattro organizzazioni collegate in Associazione Temporanea di Scopo (ATS): CFP Tivoli Forma srl, Giunti Organizzazioni Speciali, Società Italiana per l’Orientamento (Sio) e Associazione Nazionale dei dirigenti e delle alte Professionalità della scuola (Anp). Cinque gli obiettivi:

  1. Realizzazione di attività di orientamento tramite i servizi erogati dai Presidi di Orientamento Territoriale (Pot) in tutte le 5 province laziali
  2. Organizzazione e gestione del portale Filos
  3. Organizzazione e gestione di 10 Pot, uno per ogni scuola polo aderente all’iniziativa, animati dagli orientatori
  4. Formazione/informazione per almeno 200 insegnanti
  5. Attività di autovalutazione per 20.000/22.000 studenti con il test Magellano Junior

Sono imminenti i prossimi incontri per gli insegnanti

  • Martedì 23 settembre, ore 16.00, presso  l’aula magna del Liceo Newton, viale Manzoni, Roma
  • Mercoledì 1 ottobre, ore  15.00, presso l'istituto comprensivo G. Rodari, via Niobe 52, Morena 
Bookmark the permalink.

Comments are closed.