Anche i docenti sperimentano l’educazione per la vita: life long, life wide e life deep learning

Niente spostamenti, niente viaggi e niente tempi morti. Ma quando scatta l’ora X sono tutti davanti al computer, a casa o a scuola, per partecipare al webinar (il seminario on line) sull'Educazione per la vita, promosso dalla Fondazione Mondo Digitale che da quest’anno sperimenta le nuove tecnologie per l’apprendimento anche per la formazione dei docenti.

Alfonso-Molina-Edu4LifeIl primo corsa pilota ha approfondito i contenuti della metodologia di Educazione per la vita (#Edu4Life), elaborata da Alfonso Molina, professore di Strategie delle tecnologie all’Università di Edimburgo e direttore scientifico della Fondazione Mondo Digitale.
Articolato in tre sessioni (10, 12 e 16 settembre), il webinar ha coinvolto 71 docenti di 21 scuole sparse in 11 regioni. Si tratta di insegnanti che partecipano alle attività dei progetti Invecchiamento attivo e solidarietà tra generazioni attraverso l’apprendimento e l’innovazione sociale e Meet no Neet.

Le attività di aula virtuale sono supportate dalla piattaforma di e-learning Phyrtual.eu che raccoglie tutti i materiali didattici del corso: guida docenti, tutorial, esercitazioni, “compiti” ecc.  Una piattaforma unica, integrata con Phyrtual.org, per le attività formative con i docenti e gli studenti, la condivisione dei progetti e le campagne di crowdfunding.

Attraverso questa esperienza i docenti sembrano scoprire con più evidenza anche la dimensione  trasformativa dell’apprendimento, così come teorizzata da Jean Mezirow, attualmente professore emerito presso il Teachers College della Columbia University di New York. Mezirow ha elaborato l’espressione “apprendimento trasformativo” per indicare la capacità/necessità dell’adulto di riformulare continuamente i propri quadri di significato.

webinar-Ana-Lain"Quello che emerge da questi incontri è che noi docenti ci dobbiamo mettere in testa che non siamo più depositari del sapere, ma cresciamo e cambiamo continuamente anche noi. Il compito del docente è far da tramite per facilitare lo sviluppo di abilità trasversali nei ragazzi, così cresciamo anche noi." È il bilancio di Tonia Calò, docente dell’IIS Don Milani di Gragnano (Napoli), ambasciatrice e-twinning per la Campania, al termine dei tre appuntamenti, tenuti da Ana Lain con il supporto di Cecilia Stajano. Tutti i materiali, compresa la registrazione dei webinar, saranno resi disponibili on line.

L’ultimo incontro, quello di ieri, è stato dedicato alle tecniche per comunicare e promuovere un progetto sulla piattaforma Phyrtual. Al centro della sessione formativa anche le prime campagne di crowdfunding realizzate dalle scuole con lo slogan Il mio futuro? #dipendedame.

E, forse a sorpresa, i docenti si rivelano particolarmente attenti anche al crowdfunding: "Insegno laboratorio tecnologico nel settore moda. Per le nostre attività con i ragazzi i fondi sono sempre un grosso problema, soprattutto per il nostro settore perché il costo dei tessuti è altissimo e le risorse della scuola sono sempre esigue”, spiega Maria Chiara Soldani, docente all’IPSIA Pacinotti di Pontedera (PI). “L'anno scorso abbiamo partecipato a un progetto utilizzando come materia prima i sacchi della spazzatura, portati da casa, ma ci siamo difesi bene e abbiamo dimostrato che possiamo lavorare un po' con tutto".

"La cosa che ci è piaciuta di questa opportunità che ci date è la possibilità di aprire delle campagna di crowdfunding per i progetti. Le idee a scuola sono tante, la voglia di fare c'è ma si è spesso bloccati perché il budget è uguale a zero. E' un problema per gli istituti reperire i fondi." Aggiunge Gelisiana Meloni, docente al liceo scientifico G. Marconi di Pesaro (PU).

 
  La metodologia di educazione per la vita, elaborata da Alfonso Molina, integra conoscenze codificate, competenze e valori e tiene conto delle riflessioni più recenti su apprendimento e istruzione: ridefinisce i pilastri dell’educazione per lo sviluppo del carattere (affidabilità, rispetto, responsabilità, onestà, compassione, cittadinanza), tiene conto delle cinque menti di Howard Gardner (disciplinata, sintetica, creativa, rispettosa, etica), il primo studioso che ha teorizzato le intelligenze multiple, arricchisce il quadro delle competenze per il 21° secolo (pensiero critico, pensiero creativo, collaborazione, capacità di relazioni in chiave interculturale, comunicazione efficace, competenze digitali, autoconsapevolezza, iniziativa e imprenditorialità) con la firtualità, la capacità di integrare dimensione fisica (territoriale) e virtuale (on line) in un solo approccio di pensiero e azioni strategiche. Una competenza che diventerà sempre più preziosa.

 

La Fondazione Mondo Digitale ha ottenuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca l’accreditamento come ente di formazione per il personale della scuola. È previsto l’esonero dal servizio.   

Tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

Comments are closed.