La buona scuola: l’azienda in classe “inquina il sapere”?

Azienda-in-classe

Oggi il quotidiano La Repubblica dedica una doppia pagina al documento La buona scuola, redatto dai tecnici del Miur, e in particolare, all'ultimo capitolo sulle risorse.  […] L’investimento nella scuola non deve essere considerato solo una voce di spesa della PA, ma uno sforzo di tutto il Paese nel costruire il suo futuro. Per questo crediamo che le risorse pubbliche debbano servire anche per fare leva e attrarre sulla scuola molte risorse private, aumentando il legame delle scuole con le comunità locali e con il mondo del lavoro". Tre gli strumenti previsti: School Bonus, School Guarantee e crowdfunding.

Continua a leggere

Il “fracaso” dell’informazione giornalistica sulla scuola

Rapporto-Unicef

Dalle pagine del settimanale Internazionale il professore emerito Tullio De Mauro riprende il tema della disinformazione giornalistica sulla scuola. Lo spunto è un breve commento pubblicato sulla stampa spagnola e il rapporto La infancia en España 2014. El valor social de los niños: hacia un Pacto de Estado por la Infancia, curato dal Comitato spagnolo per l'Unicef. Al testo di De Mauro, pensato per la versione cartacea del settimanale, aggiungiamo, come di consueto, i link per ulteriori approfondimenti.

Continua a leggere

Dall’alternanza scuola lavoro alla formazione congiunta

alternanza scuola lavoro

Il capitolo 5 del documento “La buona scuola”, redatto dagli esperti del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, è intitolato “Fondata sul lavoro” e racconta come dovrebbe essere una scuola in grado di affrontare l’emergenza della disoccupazione giovanile, che ha registrato il tasso più elevato dal 1977, pari al 35,3 per cento. Quattro, in particolare, le strategie messe in campo: Alternanza obbligatoria, Impresa didattica, Bottega scuola, Apprendistato sperimentale.

Continua a leggere