Garanzia giovani, serve un migliore collegamento con le scuole

Il quotidiano Avvenire traccia un bilancio dei primi tre mesi di attuazione del programma europeo Garanzia giovani, che in Italia stenta a decollare: i ragazzi iscritti finora rappresentano poco più del 6% del target di riferimento. Tra i dieci aspetti da migliorare c’è il collegamento con le scuole. Firma l'articolo il caporedattore Francesco Riccardi, che segue i temi dell'economia e del lavoro in chiave sociale.

MIGLIORE COLLEGAMENTO CON LE SCUOLE
Il sottosegretario all’Istruzione Gabriele Toccafondi ha sottolineato come andrebbe ampliato il target di riferimento dell’iniziativa, comprendendo a pieno gli studenti con tirocini e stage. In effetti c’è un problema di 'stock' (i neet) ma anche di 'flusso': coloro i quali finiscono un ciclo di studi e non sanno cosa fare. Per evitare che il flusso vada a ingrossare lo stock occorre agire di più e meglio in collegamento con scuole e università. La Lombardia, ad esempio, ci sta pensando, ma è una pista che occorre battere da subito in tutta Italia.

Avvenire-300714Garanzia giovani, decalogo per farla funzionare davvero
di Francesco Riccardi
Avvenire, 30 luglio 2014

 

Per approfondire

Tagged , , , . Bookmark the permalink.

Comments are closed.