La povertà si combatte anche con l’invecchiamento attivo

Ė disponibile on line il Rapporto sullo Sviluppo Umano 2014Sostenere il progresso umano: ridurre le vulnerabilità e accrescere la propria capacità di ripresa che fornisce una nuova prospettiva sulla vulnerabilità dell’essere umano e propone modi per rafforzare la propria capacità di recupero. Secondo misuratori di povertà basati sul reddito, 1,2 miliardi di persone vivono con 1,25 dollari o meno al giorno.

undp_hdr_2014_finalcover-1Tuttavia, secondo l'indice di povertà multidimensionale UNDP, quasi un miliardo e mezzo di persone in 91 paesi in via di sviluppo vive nella povertà, subendo privazioni che coinvolgono salute, istruzione e qualità della vita. Nonostante la povertà sia mediamente in calo, quasi 800 milioni di persone sono a rischio di ricadere in uno stato di estrema povertà in caso di imprevisti. Molte persone affrontano situazioni di estrema vulnerabilità sia a livello strutturale che del ciclo di vita. Secondo il rapporto l’uscita degli anziani dalla vita attiva è uno dei periodi di massima vulnerabilità, accanto ai primi tre anni di vita e alla transizione dalla scuola al lavoro. Per queste fasi della vita occorrono ovunque politiche specifiche di protezione, per sdradicare le vulnerabilità strutturali.

Bookmark the permalink.

Comments are closed.