Didattica innovativa: come funziona la classe scomposta

Anche oggi, all’apertura della settimana, segnaliamo un articolo proposto nella versione cartacea di Nova24, il domenicale de Il Sole 24 Ore, come “lettura aumentata”, leggibile cioè con l’app NòvaAJ oppure on line. Si tratta del contributo di Dianora Bardi, insegnante, che dal 2013 è referente scientifica del progetto dell’USR Lombardia Scuola Lombardia Digitale e vicepresidente dell’associazione Impara Digitale.Sperimentatrice in prima persona delle nuove tecnologie, nelle sue classi, la prof.ssa Bardi ha ideato e organizzato svariati corsi di formazione e approfondito il tema dell’innovazione didattica in numerosi scritti. Nel contributo pubblicato domenica scorsa su Il Sole 24 Ore torna a parlare della “classe scomposta”.

classe scompostaLa tecnologia pervasiva rende la scuola liquida
Laddove arriva, la tecnologia rompe la barriere: a scuola rimescola i ruoli tra docenti e studenti, supera i limiti infrastrutturali e spaziali
di Dianora Bardi
Nòva24, Il Sole 24 Ore, 22 giugno 2014

 

 

Bookmark the permalink.

Comments are closed.