Come i robot cambiano il lavoro dell’uomo

In preparazione all’ottava edizione della RomeCup abbiamo intervistato diversi esperti di robotica per cercare di capire se i robot creano o tolgono lavoro ai giovani. Pur proponendo punti di vista diverse e articolati, nessun ha mostrato dubbi: robotica industriale e di servizio sono un’opportunità che cambia e trasforma il modo di lavorare e di vivere, ma non provoca disoccupazione (vedi I robot creano lavoro?). Sabato scorso riapre il dibattito un articolo di Riccardo Luna su La Repubblica che commenta in modo articolato la decisione di Amazon di reclutare diecimila robot. Nella riflessione, a pagina interna, una colonna è dedicata all’intervista al sociologo Luciano Gallino.
Su Nòva24, in edicola con Il Sole 24 Ore, ieri l’articolo di Marco PassarelloProfessioni nuove per i progettisti” indica già una strada chiara, che attraversa la Palestra dell’Innovazione ideata dalla Fondazione Mondo Digitale.
Tutti e tre gli articoli sono on line. Ecco i link:

robot amazonAmazon recluta diecimila robot “Ma non licenziamo”
Dopo i droni-postini, il nuovo annuncio di Bezos
Ora i dipendenti temono che sarà l’inizio della fine
di Riccardo Luna
La Repubblica, 31 maggio 2014

Caso Amazon, Gallino: “Bisogna ripensare gli incarichi svolti dall’uomo”
Il sociologo commenta l’annuncio di Bezos di reclutare 10mila robot. Dopo i droni-postini, i dipendenti temono che sarà l’inizio della fine
di Vera Schiavazzi
La Repubblica, 31 maggio 2014

Professioni nuove per i progettisti
Dai robot che si prendono cura degli anziani a quelli industriali, la personalizzazione cerca opportunità
di Marco Passariello
Nòva24, Il Sole 24 Ore, 1 giugno 2014

Tagged , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Comments are closed.