Vuoi studiare nell’università migliore? Prima scegli il tuo criterio di valutazione

Bruxelles ha lanciato un nuovo sistema di classificazione delle università. Si tratta di U-Multirank, uno strumento consultabile on line, finanziato dall’Unione Europea con due milioni fino al 2015. Lo precsenta questa settimana il professore emerito Tullio De Mauro nella rubrica settimana Scuole, che tiene su Internazionale. Al testo di De Mauro, pensato per la versione cartacea del settimanale, aggiungiamo, come di consueto, i link per ulteriori approfondimenti.

Classifica delle universitàFatti il ranking tuo
di Tullio De Mauro
Internazionale, n. 1053, 30 maggio-5 giugno 2014

Il 13 maggio l’Unione europea ha presentato Multirank, una nuova classifica mondiale delle università: circa ottocentocinquanta, soprattutto europee, (diciassette le italiane), ma anche latinoamericane e africane. Altre, se vorranno, potranno aggregarsi. Per ora le aree considerate sono fisica, ingegneria meccanica ed elettrica, economia e commercio. Seguiranno nel 2015 informatica, psicologia e medicina. Poi arte e letteratura e scienze umane. La classifica è opera dell’Observatory on academic ranking and excellence, un consorzio europeo. Le scelte di base furono spiegate l’anno scorso, come qui riferimmo, da Jan Sedlak, presidente del consorzio, e discusse poi in un incontro a Varsavia.
Rispetto ad altri ranking internazionali (Arwu di Shanghai dal 2003), poi le spagnole Webometrics e Scimago, Quacquarelli Symonds, dal numero di università censite, la moltiplicazione dei criteri, estesi dal successo accademico e scientifico dei docenti alle capacità di formazione degli studenti e al rapporto col territorio; la possibilità per l’utente di personalizzare la classifica sulla base di uno o l’altro dei molti criteri utilizzati. In piccola parte Multirank pare avere accolto l’impostazione delle classifiche del Washington Monthly college ranking e del Community college survey of student engagement (Ccsse), che guardano soprattutto alla reale vita di studio e formazione degli studenti.

Vedi anche Classifiche flessibili (Internazionale n. 1000, 17 maggio 2013)

Tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Comments are closed.