Acting: gli anziani sul web hanno paura del “Grande fratello”

Acting-piattaforma

Non basta insegnare agli anziani ad usare le tecnologie, bisogna aiutarli a sperimentare in concreto l’utilità dei nuovi strumenti informatici per migliorare la qualità della vita, dall’approfondimento degli interessi personali alla partecipazione alla vita sociale. E bisogna sostenerli nella lotta alle paure, tutte giustificate, insegnando loro a fronteggiarle. Perché se gli anziani sono le principali vittime di truffe nella vita quotidiana, non c’è da stupirsi che lo siano diventati anche on line. Continua a leggere

Lea, 94 anni, smanetta per otto ore al giorno in rete

Nonn-Lea

Di nonna Lea abbiamo parlato ieri, spiegando che è una delle sperimentatrici del robot badante grazie al progetto GiraffPlus. Oggi vi proponiamo un simpatico articolo di Gianluca Nicoletti che l’ha conosciuta e la definisce una “cyber vegliarda digitalmente autonoma”. E oggi scrive di lei sul quotidiano La Stampa, spiegando come interagisce con Mister Robin, che ha sostituito la badante in carne e ossa.

La-Stampa-070514“Con Robin, il badante robot faccio da sola anche il blog”
Lea, classe 1919, è tra i 15 anziani in Europa già assistiti da computer su rotelle.

di Gianluca Nicoletti
La Stampa, 7 maggio 2014

Lea Mina Ralli non è per nulla turbata di quella faccia da monitor su rotelle che la segue passo passo per le stanze del suo appartamento romano, strapieno di chincaglierie e con vista sulla Piramide Cestia. Anzi si sente molto più sicura e coccolata di tanti suoi coetanei sradicati dalle loro case farcite di ricordi, per essere ammassati in non-luoghi d’attesa dell’ora fatale che assomigliano troppo ad anticamere all’obitorio per aver fantasia di potercisi trasferire. Nonna Lea, classe 1919, è il prototipo più avanzato di cyber vegliarda digitalmente autonoma. La signora vive ogni minuto della giornata affidandosi alle cure di un badante robot, che lei chiama «Mister Robin».
Non è certo una pensionata nello standard nazionale la nostra Lea, forse proprio per questo il Cnr l’ha scelta per fare da cavia al sistema integrato Giraff Plus, in fase di sperimentazione in almeno 15 altre case d’anziani soli, tra Italia, Spagna e Svezia. Sotto al materasso un apparecchio sorveglia il suo sonno, la porta è allarmata da un sistema che segnala ogni passaggio, ma anche ogni possibile intrusione, bagno e cucina sono pure sorvegliati e registrano ogni movimento. La signora è, come ogni anziano, routinaria. Se qualcosa cambiasse nella sua giornata la figlia sarebbe subito avvertita, come pure il suo medico; entrambi dal loro computer possono far camminare il robottino per casa e mandarla a cercare. Ogni tanto la faccia dell’automa si accende e appare quella della psicologa, per fare una chiacchierata, come fosse su Skype. «Lea è una collaboratrice perfetta- dice Andrea Orlandini, il ricercatore del Cnr che la segue di persona – ci ha fornito un report preciso di tutte le sue attività, su cui abbiamo impostato le apparecchiature».
Mentre parliamo Lea si misura la pressione e invia i dati al medico, poi aspetta istruzioni. «Mio marito è morto quando avevo 75 anni, con lui non si faceva mai nulla, non si usciva di casa, non si vedeva nessuno». Da vedova è però iniziata per Lea la libertà digitale.
«Il mio primo computer era un Amstrad, poi ne ho avuti tanti».
Ora che di anni ne ha 94 Lea sfoggia una postazione Apple di ultima generazione, passa otto ore al giorno a smanettare in Rete, dove ha un blog e aree web che segue e alimenta di persona. Scrive libri di storia, poesie, ricette. «Faccio tutto da sola, ho provato con una badante moldava, era sempre ubriaca e trovavo i cartoni di vino sotto al letto.
Mi cucio anche i vestiti, ogni giorno indosso un colore diverso. La mia è una famiglia di grandi sarti».
Inizia il racconto infinito del trisnonno Teofilo, specializzato nel confezionare abiti civili per alti prelati: «Venivano a prenderlo e lo portavano in Vaticano con il campionario, era un segreto di famiglia: così i preti potevano uscire indisturbati la sera». È solo il guizzo d’acume malandrino di chi la sa lunga e la sa raccontare: Lea subito dopo mostra orgogliosa la foto di papa Francesco con la lettera ufficiale che si congratula per le sue poesie a tema pontificio. L’anima è a posto. Alla sua carne impassibile penserà il robot celeste che la guarda con la sua faccia da led, quasi le promettesse che la farà vivere al sicuro per altri cent’anni.

La sfida dell’istituto Da Vinci: la scuola diventa meta turistica

Da-Vinci

Se siete dei frequentatori del centro di Roma non dovrete stupirvi se tra qualche mese, appena il passaparola avrà fatto la sua parte, sarete fermati dai turisti che vi chiederanno non dove si trova il Colosseo ma bensì come si raggiunge la scuola Da Vinci. Una scuola può diventare un’attrazione turistica? Provate a immaginare uno scenario futuro in cui la scuola torna ad essere al centro della città… Continua a leggere