Con il progetto Acting puoi diventare un agente sociale per l’invecchiamento attivo

Agenti-sociali-invecchiamento-attivo-1

Sono aperte le iscrizioni per diventare “Agente sociale per l’invecchiamento attivo“. Saranno 20 gli agenti selezionati per contribuire al successo del progetto ACTing finanziato dalla Commissione Europea. Formazione gratuita, concorso finale e capacity building per diventare il miglior Agente sociale d’Europa. Il termine ultimo per inviare la propria candidatura è il 12 giugno 2014. L’iscrizione è gratuita. Continua a leggere

Digital Agenda Scoreboard: il 50% degli europei non ha competenze digitali per lavoro

dig-agenda-banner

Secondo il rapporto annuale della Commissione europea Digital Agenda Scoreboard 2014, che valuta la diffusione di Internet nei paesi dell’Unione, aumenta il gap fra l’avanzata delle tecnologie della rete e le competenze digitali per lavorare nel nuovo ecosistema del web.
Nonostante cresca il numero di cittadini che usa internet, quasi il 50% della popolazione non ha competenze digitali sufficienti per l’ambiente di lavoro. Continua a leggere

Il volo robotico bio-ispirato: droni in volo come sciami

Enea-sciame

All’ottava edizione della RomeCup 2014, allo stand dell’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (Enea), abbiamo scoperto che attraverso un sofisticato sistema di comunicazione ottica sottomarina un insieme di veicoli subacquei, capaci di navigazione autonoma, sono anche in grado di muoversi in modo organizzato, cioè “a sciame”. I robot bio-inspired sono così chiamati proprio perché si ispirano alla natura, come ad esempio gli sciami di robot, che si muovono in gruppo, come i banchi di pesci. Continua a leggere

Analfabetismo di ritorno: Tullio De Mauro spiega la “regola del meno cinque”

De Mauro

Secondo la “regola del meno cinque”, da adulti, se le conoscenza acquisite a scuola non vengono tenute attive, si regredisce di 5 anni rispetto ai livelli massimi raggiunti in gioventù. Anche gli over 60, se adeguatamente sostenuti nei processi di formazione, possono continuare ad apprendere, fino a guadagnare almeno 5 anni di alfabetizzazione funzionale e tecnologica. Dalla rassegna stampa di oggi vi proponiamo l’intervista a Tullio De Mauro sull’analfabetismo di ritorno, pubblicata su Il Mattino. Continua a leggere

Dove nasce il nuovo lavoro: il contributo delle microimprese

n

Dal Rapporto annuale dell’Istat vi proponiamo alcune “pillole” di dati, tratte dal secondo capitolo, dal titolo Il sistema delle imprese: effetti della crisi e potenzialità di crescita, perché confermano le scelte che sta facendo la Fondazione Mondo Digitale con progetti come Meet no Neet, The Italian Makers o Tra Generazioni. L’unione crea il lavoro. Infatti il Rapporto di quest’anno, giunto alla sua ventiduesima edizione, oltre a illustrare gli effetti economici e sociali della crisi, guarda alle potenzialità del Paese e mette a fuoco le sfide più rilevanti che l’attendono.

Continua a leggere

La Palestra dell’Innovazione come esperienza di coworking

coworking-palestra-innovazione

Le nuove forme di organizzazione del lavoro, di cohousing, di trasporti, di ospitalità, di nuova imprenditoria rurale, caratterizzate da meccanismi di condivisione e collaborazione tra cittadini, aziende e pubbliche amministrazioni lungo l’intera filiera di produzione, consumo e distribuzione del valore, in molti paesi non sono più un fenomeno di nicchia. In Inghilterra, ad esempio, ha scambiato o prestato beni il 64% delle persone. Continua a leggere

Chi sono i coworker e come funziona il coworking

coworking

Possiamo definire coworking uno stile lavorativo, collaborativo e informale, che coinvolge la condivisione di un ambiente di lavoro, spesso un ufficio. A differenza di quanto accade in un ambiente di lavoro tradizionale, i coworker non appartengono alla stessa organizzazione e/o conservano l’attività indipendente. Il coworking attrae liberi professionisti che lavorano a casa, Continua a leggere

#Generazione 2.0: un libro-ricerca racconta gli adolescenti “nativi digitali”

nativi-digitali

Continuiamo a segnalarvi articoli, libri, ricerche, interventi che affrontpano il tema delle nuove tecnologie nella formazione dei giovani. Un articolo del Corriere della Sera presenta un nuovo libro pubblicato da Franco Angeli dedicato alla Generazione 2.0, scritto da Federico Capeci, con la prefazione di Riccardo Luna e la postfazione di Stefano Epifani. Un libro-ricerca che presenta anche un punto di vista e  indicazioni metodologiche, come promette il sottotitolo “Chi sono, cosa vogliono, come dialogare con loro“. Continua a leggere

Che differenza c’è tra askare, pokare e taggare? Mini guida al gergo della rete

Gergo-della-rete

Vi proponiamo un agile glossario che introduce alcuni termini ed espressioni gergali che si incontrano con maggiore frequenza nelle cosiddette reti sociali, dai social network tradizionali alle nuove piattaforme di messaggistica sociale istantanea.  “Il gergo della rete” è tratto dalla guida Social Privacy – Come tutelarsi nell’era dei social network pubblicata dal  Garante per la protezione dei dati personali. Continua a leggere

Generazione 2.0, come tutelare la privacy. I consigli del Garante

social

“Vuoi veramente far sapere a chiunque dove ti trovi (si chiama geolocalizzazione) e chi stai incontrando in ogni momento della giornata?” Ragazzi che espongono i loro segreti intimi e le proprie fotografie per gioco o per amore, genitori inesperti, utenti che installano l’app sbagliata allettati dalla parola “gratis”, professionisti che mettono a rischio i loro contatti di lavoro, molestatori e cyberbulli che pensando di essere protetti dall’anonimato colpiscono le persone più deboli. Continua a leggere