A Firenze il lancio del programma Erasmus+

Erasmus-volontariato

Cambiare vita, aprire la mente” è lo slogan che accompagna l’evento di lancio ufficiale del Programma Erasmus+. Appuntamento a Firenze, domani, giovedì 10 aprile, nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio. Alla giornata partecipano i Ministri dell’Istruzione, Università e Ricerca Stefania Giannini e del Lavoro Giuliano Poletti e il Commissario europeo per l’Istruzione, Formazione e Cultura Androulla Vassiliou. Continua a leggere

Libri digitali: “La Coscienza di Zeno” è il più sottolineato

libri-digitali

“Nell’era dei libri digitali qualsiasi cosa facciamo con un testo viene conservato. […] È la nostra libreria sul cloud, sempre accessibile e da ogni apparecchio, che serba memoria delle nostre consultazioni. Un’opzione comodissima, ma che alcuni trovano inquietante”. Dalla rassegna stampa di oggi ci proponiamo un articolo pubblicato sul quotidiano La Repubblica che presenta un’intrigante classifica di Amazon sui libri digitali più sottolineati dai lettori. Continua a leggere

Life skills: come si impara a negoziare? Con un gioco on line

life skills

Sono passati più di venti anni da quando l’Organizzazione mondiale della sanità ha definito un modello di competente per la vita strettamente legato alla salute e al benessere (Oms, Life skills education for children and adolescents in schools, 1993). Ma come è stato applicato nelle scuole e nella formazione dei giovani? Se ne trova qualche traccia nei rapporti annuali curati da Eurispes e Telefono Azzurro. Continua a leggere

In Europa essere giovani e laureati è un valore aggiunto. E in Italia?

disoccupazione-giovanile

Per Alessandro Rosina, professore di Statistica sociale alla Cattolica di Milano la generazione no-jobs è il “paradosso Italia”. “Siamo incapaci di dare valore al capitale umano specifico. In tutta Europa essere giovani e laureati è un valore aggiunto, da noi no. Abbiamo meno giovani e meno laureati eppure costringiamo chi vuol lavorare qui ad abbassare le aspettative”. Il quotidiano La Repubblica oggi in edicola raccoglie dati e opinioni sulla generazione che “rischiamo di perderci se non si fanno le riforme”. Continua a leggere

Space Apps Challenge per migliorare la vita nello spazio e sulla terra

chellenge

L’Ambasciata Americana, l’Agenzia Spaziale Europea e l’Università Sapienza di Roma organizzano per i prossimi il 12 e 13 aprile la seconda edizione italiana dello Space Apps Challenge, un hackathon proposto dalla Nasa, a cui hanno aderito circa cento città in tutto il mondo e che, nella precedente edizione, ha visto la partecipazione di oltre 9.000 persone. L’hackathon si svolge presso la Facoltà di Ingegneria Aerospaziale della Sapienza (via Eudossiana 18).

Tra i partner dell’iniziativa anche la Fondazione Mondo Digitale (FMD). In particolare Alfonso Molina, docente di Strategie delle Tecnologie all’Università di Edimburgo e direttore scientifico della Fondazione Mondo Digitale, fa parte della giuria che assegna i premi alle migliori soluzioni sviluppate localmente. Due vengono inviate, per la competizione globale, alla Nasa, che cerca soluzioni in cinque ambiti: Robotics, Asteroids, Technology in Space, Earth Watch, Human Space Flight. 

locandina-space-apps-challengeCome partecipare
Per partecipare e registrarsi all’evento basta cliccare https://2014.spaceappschallenge.org/location. Per dialogare con gli altri partecipanti occorre iscriversi all’hackpad dedicato: https://spaceapps.hackpad.com
La partecipazione è gratutita e aperta a tutti:  sviluppatori, disegnatori, imprenditori, ingegneri, studenti di ogni grado, e semplici appassionati di scienza e tecnologia: ognuno può contribuire con la propria idea a risolvere le challenges.
L’evento si apre venerdì pomeriggio con la conferenza stampa presso la Facoltà di Ingegneria e si chiude domenica pomeriggio con la selezione di due progetti che vengono mandati alla Nasa per la competizione globale. Ogni partecipante deve scegliere una challenge su cui lavorare tra quelle proposte https://2014.spaceappschallenge.org/challenge/  e far parte di un team già formato e iscritto o che può formare il giorno stesso dell’hackathon.
La lingua di lavoro è l’inglese, quindi è richiesta una buona conoscenza per almeno uno dei componenti del team.  Tutte le informazioni sulle challenges sono in inglese e il progetto finale deve essere presentato in inglese sia per la selezione locale sia per quella globale.  Per le informazioni sulle categorie dei premi e la composizione della giuria vedi  https://2014.spaceappschallenge.org/about/judging/

Competenze digitali: “Tutti su Internet” per imparare a fare

competenze digitali

Parte oggi, lunedì 7 aprile, la 9ª Settimana dell’alfabetizzazione digitale promossa dalla Fondazione Mondo Digitale. Sapere, saper fare e saper insegnare: protagonisti dell’edizione di quest’anno sono gli artigiani over 60, che scambiano le competenze imprenditoriali con le competenze digitali degli studenti. Uno scambio strategico per entrambe le generazioni. L’iniziativa quest’anno coinvolge ben 17 regioni Continua a leggere

Discriminazione. Tullio De Mauro: “È la scuola che può farci eguali”

discriminazione-DeMauro

“… la questione dell’istruzione è una questione di diritti civili”. Sull’ultimo numero di Internazionale (n. 1045) il professore emerito Tullio De Mauro affronta il tema della discriminazione, a volte inconsapevole, attuata dalla scuola, quando non tiene conto dei diversi punti di partenza degli allievi. Lo spunto è l’articolo pubblicato sul quotidiano The Nation (14 Disturbing Stats About Racial Inequality in American Public Schools) che rende noti i risultati dell’ultimo rapporto dell’Office for civil rights. Continua a leggere

Digital Jobs: a che punto siamo in Europa e in Italia?

Local-coalition-digital-jobs

La Grand Coalition for Digital Jobs è stata tra i fili conduttori dell’ottava edizione della della RomeCup a partire dal tavolo di lavoro della prima giornata “Local Coalition for Digital Jobs: la Rete Internazionale di robotica incontra le istituzioni“, coordinato da Alfonso Molina, professore di Strategie delle tecnologie all’Università di Edimburgo e direttore scientifico della Fondazione Mondo Digitale. Continua a leggere

Benvenuti a Scampia. E, soprattutto, benvenuti a scuola!

Meet no Neet a Scampia

Non è la prima volta che proviamo a raccontarvi un’altra Napoli e un’altra Scampia, attraverso il punto di vista della scuola. Un racconto che comincia ad affascinare anche persone lontane. L’agenzia londinese New Moon i questi giorni ha girato un video proprio a Scampia, per conto di Microsoft, per documentare il progetto che ha vinto il concorso collegato a Meet no Neet. Continua a leggere

Invecchiamento attivo con le nuove tecnologie: la storia di Olga, 84 anni

Invecchiamento-attivo-Nonni-su-internet

“Io sono innamorata dalla curiosità”, così Olga Benedetti, classe 1930, definisce il suo rapporto con la novità, sempre aperta e disponibile a nuove esperienze. E la sua storia è una testimonianza esemplare di invecchiamento attivo, grazie anche all’uso consapevole delle nuove tecnologie.
Olga frequenta l’Università per la terza età e il centro anziani Salvo D’acquisto, in via Marvasi a Roma, Continua a leggere