Life skills: come si impara a negoziare? Con un gioco on line

Sono passati più di venti anni da quando l’Organizzazione mondiale della sanità ha definito un modello di competente per la vita strettamente legato alla salute e al benessere (Oms, Life skills education for children and adolescents in schools, 1993). Ma come è stato applicato nelle scuole e nella formazione dei giovani? Se ne trova qualche traccia nei rapporti annuali curati da Eurispes e Telefono Azzurro. In particolare nell’8° Rapporto sulla condizione dell’infanzia e dell’adolescenza c’è una scheda dedicata, la numero 10, dal titolo “Il benessere degli adolescenti: uno studio sulle abilità della vita”. Il capitolo si chiude con una raccomandazione:

“L’inserimento dell’educazione alle Life Skills dovrebbe idealmente riguardare tutte le scuole di diverso ordine e grado e tutto l’arco dello sviluppo dello studente a partire dalla scuola materna fino alle scuole secondarie superiori”.

Eppure nei rapporti successivi non c’è più traccia. Nessuna ricerca fa il punto della situazione. Ma cosa sono le life skills e perché sono così importanti?
Le life skills sono l’insieme di abilità personali e relazionali che servono per governare i rapporti con il resto del mondo e per affrontare positivamente la vita quotidiana. La mancanza di tali skills socio-emotive può causare, in particolare nei giovani, l’instaurarsi di comportamenti negativi e a rischio in risposta agli stress.
Il “nucleo fondamentale” delle skills of life è costituito dalle seguenti abilità e competenze:

  1. Decision making
  2. Problem solving
  3. Pensiero creativo
  4. Pensiero critico
  5. Comunicazione efficace
  6. Capacità di relazioni interpersonali
  7. Autoconsapevolezza
  8. Empatia
  9. Gestione delle emozioni
  10. Gestione dello stress

La Fondazione Mondo Digitale si occupa da diversi anni di life skills. Ad esempio, il volume L’innovazione nelle scuole di Roma, curato da Alfonso Molina, raccoglie le esperienze didattiche più significative delle scuole romane nell’anno scolastico 2007-2008 ed è attraversato come un filo rosso proprio dalla competenze per la vita. Poi, più di recente, l’educazione per la vita è diventata anche un’area specifica di intervento. Perché le life skills e le soft skills sono sempre più richieste anche dal mercato del lavoro.

Ora, con il progetto Enact – Enhancing negotiation skills through on-line Assessment of Competencies and interactive mobile Training, la Fondazione Mondo Digitale partecipa ad una ricerca collaborativa sulle competenze di negoziazione, che attraversano in modo trasversale le diverse life skills.

Alcuni giorni fa la Città educativa di Roma ha ospitato i docenti e gli studenti degli Istituti d’istruzione superiore Federico Caffè e Virgilio di Roma per la prima fase di ricerca del progetto. Docenti e studenti sono stati invitati a fornire il loro punto di vista sulla capacità di negoziazione in diversi contesti di vita: la scuola, le relazioni con gli amici, la famiglia ecc. Le loro risposte, documentate in video interviste, aiuteranno la Fondazione Mondo Digitale, in collaborazione con l’Università di Plymouth (Regno Unito) e le altre organizzazioni partner in Italia, Spagna e Turchia (i partner del progetto ENACT), a comprendere meglio come le competenze di negoziazione possono essere apprese e migliorate: l’obiettivo finale è sviluppare uno strumento per l’apprendimento on line, in forma di gioco, in grado di valutare e guidare l’utente nel miglioramento delle proprie capacità negoziali. I partecipanti hanno raccontato come la capacità di comunicare efficacemente sia per loro una competenza fondamentale, che desiderano rafforzare, convinti dell’utilità che può avere per comprendere meglio se stessi e gli altri. Ugualmente importante è affinare la consapevolezza di come siamo percepiti e capiti dagli altri.

La playlist delle interviste a docenti e studenti
 

Il progetto ENACT – Enhancing negotiation skills through on-line Assessment of Competencies and interactive mobile Training, di durata biennale (gennaio 2014-dicembre 2015) coinvolge 6 partner in 4 paesi ed è finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma trasversale del Lifelong Learning Programme Key Activity 3 – Sviluppo dei contenuti e dei servizi ICT – Based.

Tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Comments are closed.