Liceo Tasso: cento anni di insegnamento scientifico diventano museo

Nasce un nuovo “Museo delle Scienze” al Liceo Tasso di Roma, guidato dalla dirigente scolastica Maria Letizia Terrinoni. Grazie al lavoro di un gruppo di insegnanti, genitori e studenti, guidati dal professor Luigi Campanella, presidente del Polo Museale dell’Università “Sapienza” di Roma, l’istituto scolastico ha riordinato il vasto materiale didattico-scientifico in suo possesso. Un patrimonio che conta reperti naturali, strumenti di misura e dimostratori scientifici appartenenti ai settori della chimica, fisica, biologia, paleontologia, mineralogia e geologia, raccolti in oltre 100 anni di insegnamento e lo ha classificato, per renderlo fruibile a tutti, allestendolo nelle storiche vetrine. La raccolta comprende oggetti risalenti a tempi diversi, a partire dal 1890, e sarà inaugurata domani, 26 marzo, alle 11.30.

Museo-TassoAd aprire la giornata, nell’aula Magna del Liceo è il professor Luigi Campanella con un intervento su ”I musei scolastici nella rete culturale della città”. Segue la lezione del professor Ivo Bomba, docente di Storia dell’Arte Moderna all’Accademia di Belle Arti di Roma, sull’“Immaginario scientifico al tempo di Darwin”. A conclusione, le poesie lette da alcuni studenti del Liceo, guidati dal regista Paolo Pasquini.

Per l’occasione, il Liceo e l’editore Laterza hanno pubblicato un album speciale, il secondo della serie, denominato “Confronti per il Tasso”, che presenta le opere di cinque artisti, Bruno Conte, Carlo Lorenzetti, Giulia Napoleone, Ernesto Porcari e Guido Strazza, ispirate dall’incontro con altrettanti modelli scientifici, assieme alle poesie che cinque poeti, Antonella Anedda, Silvia Bre, Marco Caporali, Paolo Febbraro e Biancamaria Frabotta, hanno dedicato al tema della natura.

Bookmark the permalink.

Comments are closed.