Alla RomeCup il calcio non è fantascienza

Il prossimo 16 marzo si potrà essere in prima fila all’Old Trafford per assistere a Manchester United-Liverpool “senza esserci”. Il derby del Nord della Premier League sarà, infatti, il primo incontro con tifosi virtuali. Grazie all’accordo tra Manchester e Google+ prende il via Front Row, che permetterà di seguire in maniera innovativa e hi-tech la squadra del cuore. I volti dei tifosi virtuali saranno visibili sui cartelloni digitali a bordo campo, dove solitamente si alternano sponsor e pubblicità. Per partecipare a Front Row basta dimostrare la propria passione per il Manchester United postando un’immagine su Google+ con l’hasthag #MUFrontRow. Vengono selezionati gli scatti più convincenti e i vincitori possono unirsi ai 75.000 spettatori (reali) delle tribune dell’Old Trafford.

calcio: the-future-of-footballIl quotidiano Il Messaggero, oggi in edicola, titola “Un calcio da fantascienza” e cerca di raccontare come cambierà con la tecnologia il gioco più popolare del mondo. Punto di partenza è l’indagine Future of Football, realizzata da Futurizon con HTC, e l’iniziativa Front Row come assaggio del futuro. Secondo la timeline ricostruita dalla ricerca nel 2040 i robot potranno scendere in campo in campionati paralleli per tifosi danarosi. Ma non è questo lo spirito con cui si gioca alla RomeCup…
Dietro ai Nao, i giocatori umanoidi, ci sono i ricercatori del Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale “Antonio Ruberti” (Diag).
Sul sito della Fondazione Mondo Digitale l’intervista dal titolo Anche i robot imparano a Guglielmo Gemignani, 24 anni, dottorando del Diag, che racconta in anteprima come l’Università Sapienza di Roma si sta preparando per la RomeCup 2014, L’eccellenza della robotica a Roma. Venite a scoprirlo dal 19 al 21 marzo!

Tagged , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Comments are closed.