Robotica italiana: Paolo Dario, “non siano follower, siamo leader”

I robot non portano via il lavoro, lo “spostano”. Con numerosi esempi Paolo Dario, direttore dell’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna e del Polo Sant’Anna Valdera, spiega al microfono di Francesca Del Duca quale sarà la funzione dei robot nel futuro e come si inseriranno nel mondo del lavoro e nella vita quotidiana. Quella con Paolo Dario è la prima di una serie di interviste che ci aiuteranno a capire quale sarà lo scenario futuro grazie al contributo della robotica di servizio [vedi “I robot creano o tolgono lavoro ai giovani?“].
Paolo Dario conclude la sua lunga e articolata risposta con una visione chiarissima del valore della ricerca robotica italiana: “non siano follower, siamo leader in questo campo”.

Chi è Paolo Dario
Paolo-Dario-accordo-di-reteSi è laureato in Ingegneria Meccanica presso l’Università di Pisa, ed è professore ordinario di Robotica Biomedica presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. È attualmente direttore dell’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna e del Polo Sant’Anna Valdera, centro di ricerca situato a Pontedera.
Paolo Dario è titolare di corsi di laurea presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e presso l’Università di Pisa. È  stato Visiting Professor presso numerose università. I principali interessi di ricerca di Paolo Dario sono nel campo della Biorobotica, e della Robotica per Chirurgia, per Microendoscopia e per Riabilitazione. Su questi temi ha pubblicato oltre 180 articoli su riviste internazionali e oltre 300 fra capitoli di libri internazionali e articoli in atti di congressi internazionali, ricevendo premi scientifici per alcuni di essi. È titolare di circa 50 brevetti internazionali. È coordinatore di numerosi e grandi progetti di ricerca nazionali e, soprattutto, internazionali, la maggior parte di questi ultimi finanziati dalla Comunità europea. Paolo Dario ha promosso la creazione di numerose imprese industriali ad alta tecnologia nate dalla ricerca svolta nei laboratori da lui fondati e coordinati. Tali imprese occupano oggi oltre 150 laureati, la maggioranza dei quali ha conseguito anche il Dottorato di Ricerca presso i laboratori della Scuola Superiore Sant’Anna.

Bacchetta_menuAccordo-retePaolo Dario è stato tra i primi firmatari dell’Accordo di Rete nazionale sulla robotica educativa, promosso dalla Fondazione Mondo Digitale.
Nell’ottava edizione della Rome Cup (19-21 marzo 2014) i firmatari dell’Accordo di Rete tornano a confrontarsi sulle politiche di sviluppo, in occasione del convegno Local Coalition for Digital Jobs: la rete nazionale di robotica incontra le istituzioni, coordinato da Alfonso Molina, professore di Strategie delle Tecnologie all’Università di Edimburgo e direttore scientifico della Fondazione Mondo Digitale.
Gli aggiornamenti sulla manifestazione si possono seguire anche su @fmdigitale con hashtag #romecup2014.

 

Tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

Comments are closed.