2° Rapporto ItaliaOrienta: ai diplomati piace l’artigianato

Oggi il quotidiano Avvenire presenta il 2° Rapporto realizzato dalla Fondazione ItaliaOrienta che analizza le aspirazioni dei giovani dopo il diploma. Il 30% desidera un lavoro subito e molti sono disponibili a tornare alla manualità. Aumenta la propensione all’autoimprenditorialità con il 36% dei diplomandi che vorrebbe avviare una propria attività.

La ricerca. Ai diplomati piace l’artigianato
di Enrico Lenzi

Avvenire, 13 febbraio 2013

Milano – Disposti ad andare all’estero. Ma anche, dopo la maturità, a entrare subito nel mondo del lavoro, anche quello artigianale. Sono due aspetti che più di altri emergono dall’indagine della Fondazione ItaliaOrienta, su cinquemila studenti degli ultimi due anni delle superiori. Un rapporto, il secondo realizzato dalla Fondazione, che punta in particolare a comprendere le modalità e le aspirazioni dei giovani al momento del post-diploma. Un passaggio quanto mai delicato, visto che, ben il 44% del campione dichiara di «aver sbagliato indirizzo scolastico» già alle superiori. Se a questo si aggiunge il dato che il tasso di disoccupazione giovanile in Italia raggiunge i141,6%, si comprende come l’orientamento diventi decisivo per il futuro delle nuove generazioni. Dall’identikit disegnato dal Rapporto, emerge anche che del 30% di studenti pronto a entrare nel mondo del lavoro, ben il 16% si dichiara propenso a una attività nel settore dell’artigianato. Insomma un piccolo ritorno ai «mestieri antichi». Nelle interviste il 72% dei ragazzi risponde che andrebbe anche all’estero, pur non specificando se per studiare o lavorare. E le mete più gettonate sono Australia, Canada e Cina. Capitolo a parte la continuazione degli studi all’Università, per la quale si dichiara disposta il 60% degli intervistati (un campione di 2.629 risposte su 5mila questionari distribuiti in 44 città italiane). In testa alle preferenze dei corsi di studio troviamo Medicina, seguito da Economia, Ingegneria e Psicologia. A sorpresa in fondo alla classifica con solo 1’1% delle preferenze il corso di laurea in Informatica. E per il posto di lavoro? L’indagine mostra di fatto una divisione in tre gruppi quasi equivalenti. Il più consistente con il 36% punta a un lavoro autonomo. Poco distante con il 32% si colloca il gruppo di coloro che spera in un impiego presso un’organizzazione privata, mentre il 29% aspira a un’impiego all’interno di una organizzazione pubblica. Tra le domande anche quella sul «personaggio idolo». Nella classifica papa Bergoglio supera persino mamma e papà di quattro punti percentuali (30 a 26), mentre gli altri «personaggi» raccolgono complessivamente percentuali sotto i 6 punti.

Tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Comments are closed.