Phablet newschool: dalla scuola al mondo del lavoro all’Itis Pacinotti di Fondi

Phablet-newschool

Con la serie di mini reportage “Phablet newschool” cominciamo oggi un lungo viaggio nelle scuole italiane per capire come affrontano l’emergenza disoccupazione giovanile e, in particolare, come cercano di allineare l’offerta formativa all’evoluzione della domanda di lavoro.
Realizziamo le nostre interviste con gli strumenti che abbiamo a disposizione, handycam, tablet, smartphone e fotocamere. Continua a leggere

Robotica di servizio: la prima mano bionica sensibile made in Italy

mano-bionica-sensibile

La prima mano bionica “sensibile” è il risultato di una ricerca fondamentale e alla quale hanno contribuito tanti giovani: è soddisfatta Maria Chiara Carrozza, ministro per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca. Prima come ricercatrice e poi come rettore della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, Carrozza è stata fra i protagonisti del lungo percorso che ha portato al risultato pubblicato alla pubblicazione sulla rivista Science Translational Medicine. Continua a leggere

The Italian Makers: gli imprenditori sfidano gli studenti

The-italian-makers-Faraday

Un imprenditore di successo, Massimiliano D’Elia, ha incontrato gli studenti dell’Istituto tecnico industriale Michael Faraday di Roma e ha lanciato la sua sfida: progettare insieme una vettura elettrica con un’ottima resa, efficiente, cioè realmente “sostenibile”. E gli studenti hanno accettato di cimentarsi nel ruolo di “Italian makers” e di scoprire come si costruisce un progetto innovativo… Continua a leggere

Giuseppe Fusacchia: “Ci interessano le tecnologie per crescere”

tecnologie per crescere

Il Corriere della Sera di ieri ha dato ampio spazio alle posizioni dei genitori della scuola primaria Iqbal Masih di Roma titolando “La scuola che non vuole usare i tablet”.
Entriamo anche noi nel dibattito tra innovatori e scettici digitali dando voce alle diverse esperienze delle scuole, per capire come vengono usate le nuove tecnologie.
Il dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo Antonio Rosmini di Roma, Giuseppe Fusacchia, ci spiega Continua a leggere