Le donne della robotica “made in Italy” su Tutto Scienze e Tecnologia

donne-robotica-romecup

Sono passati quasi sei anni da quando abbiamo portato il programma Roberta alla Città Educativa di Roma, all’indomani della 2ª edizione della RomeCup, per promuovere l’interesse delle ragazze verso la scienza, partendo proprio dalla robotica. Allora si cercava di capire per quale motivo bambine e ragazze non si appassionassero alla ricerca scientifica. Ora la situazione appare molto cambiata. Ieri abbiamo presentato il team di progettiste al femminile del liceo Severi di Salerno e oggi vi proponiamo l’articolo pubblicato sul quotidiano La Stampa, dedicato alle “donne della robotica”. Continua a leggere

Arriva l’Erasmus del volontariato: 70mila giovani italiani in partenza

Erasmus-volontariato

Ieri mattina purtroppo non siamo riusciti a partecipare alla presentazione delle Linee di attività dell’Agenzia nazionale per i giovani rispetto alla nuova programmazione europea e, in particolare, all’illustrazione delle opportunità offerte dal capitolo Youth del Programma europeo Erasmus+ (2014-2020). Cerchiamo di rimediare trascrivendo integralmente il lancio di agenzia del Redattore sociale e fornendovi tutti i link utili per approfondire velocemente l’argomento. Continua a leggere

Meet no Neet: una app per il “turismo aumentato” dei giovani

Up-Calabria

Ancora un successo per gli studenti dell’istituto d’istruzione superiore Enrico Fermi di Catanzaro che si sono cimentati nella progettazione sociale. Dopo un primo riconoscimento ottenuto alle Olimpiadi del Patrimonio 2013, sfida promossa da Anisa e Miur, tornano a distinguersi nel concorso legato al progetto Meet no Neet, con il progetto Up Calabria. E il quotidiano la Gazzetta del Sud parla di loro nell’articolo Un viaggio virtuale da Scolacium a Mammola. Continua a leggere

Realtà virtuale e realtà aumentata, qual è la differenza?

realtà-aumentata

Per realtà aumentata (in inglese augmented reality, abbreviato AR) si intende l’arricchimento della nostra percezione sensoriale mediante vari livelli di informazioni, in genere elaborate e trasmesse elettronicamente, che non sarebbero percepibili con i cinque sensi. Si parla di AR anche quando le informazioni invece di essere “aggiunte” sono “ridotte” per presentare una realtà più nitida e coinvolgente, comunque un arricchimento dell’esperienza di conoscenza. Continua a leggere