Agenda digitale: in 3 anni banda larga per il 50% degli italiani

banda-larga

Ieri a Palazzo Chigi è stato presentato il rapporto “Raggiungere gli obiettivi Europei 2020 della banda larga in Italia: prospettive e sfide“, curato dal commissario Agenda Digitale, Francesco Caio, con la collaborazione di due esperti, Scott Marcus, direttore presso WIK, membro del Comitato Scientifico della Florence School of Regulation, ex funzionario senior FCC, e Gerard Pogorel, professore emerito di Economia a Telecom Paris Tech. Continua a leggere

Valutazione scolastica: servono scudetti, brevetti e stelle per motivare gli alunni?

mimerito

Oggi vi proponiamo l’intera pagina che il quotidiano La Stampa dedica alla questione della valutazione nella scuola e al progetto pilota Mimerito, che prevede scudetti, brevetti e stelle per valorizzare i risultati degli alunni. Nei box le opinioni di  Gustavo Pietropolli Charmet, psicoterapeuta esperto di infanzia e adolescenza, e di Gabriele Toccafondi, sottosegretario del ministero della Pubblica Istruzione. Continua a leggere

Tullio De Mauro torna a parlare di mooc e flipped classroom

De-Mauro

Sulle pagine del settimanale Internazionale, nella rubrica Scuole, il professore emerito Tullio De Mauro torna a scrivere su nuove tecnologie per la didattica e in particolare dei corsi on line, i mooc (massive open online course), che si prestano ad essere usati con le flipped classroom, la “classe capovolta”.  [cfr. Scuola: come innovare la didattica con la flipped classroom]. Continua a leggere

L’Italia che funziona secondo l’Eurispes: cresce la fiducia nella scuola

scuola

Tra i punti di riferimento istituzionali degli italiani c’è sempre la scuola. Secondo il Rapporto Italia 2014 Prestare ascolto all’Italia che funziona, curato dall’Eurispes, è in salita la fiducia risposta nella scuola che riesce ad oltrepassare il muro del 50% dei consensi attestandosi al 53,6%.

Ecco quanto scrive Tuttoscuola
Fiducia scuola 53,6%, partiti 6,5%
Continua a leggere

Eurispes: il made in Italy deve fare i conti con il problema dell’Italian sounding

made-in-italy

“Nonostatnte la crisi il numero delle aziende italiane esportatrici è in aumento. Bene nel 2013 le esportazioni nell’agroalimentare (33 miliardi di euro)”. Ieri è stato presentato dall’Eurispes il 26ª Rapporto Italia 2014. Per fare un servizio utile a quanti stanno partecipando al progetto The Italian Makers e a quanti lavorano per l’imprenditoria giovanile, pubblichiamo integralmente la scheda della ricerca dedicata al Made in Italy e alla cultura d’impresa. Continua a leggere