Itis Ferraris, l’altra Scampia che Saviano non ha ancora raccontato

Oggi, con parole, suoni e immagini, vi portiamo a Scampia, un quartiere di Napoli che conosciamo soprattutto attraverso “Gomorra” di Roberto Saviano. Con poche pennellate cerchiamo di disegnare una Scampia inedita, che cerca il riscatto tra le pareti delle aule. Un esempio è l’Itis Ferraris che ha trasformato la scuola in una palestra di educazione per la vita, in perfetta sintonia con la metodologia elaborata da Alfonso Molina, professore di Strategie delle tecnologie all’Università di Edimburgo e direttore scientifico della Fondazione Mondo Digitale.

Partiamo dall’ultima notizia che oggi è pubblicata sul sito della scuola: Gli allievi della 5 N dell’Itis con entrambi i progetti “Guadagna pulendo l’ambiente” e “Il teatro del Popolo” si sono classificati tra i primi 20 finalisti del concorso Meet to Meet, indetto da Mondo Digitale e Microsoft, per premiare i progetti di imprenditorialità e innovazione sociale, attenti ai bisogni del territorio. Il 17 gennaio una rappresentanza della classe con il Dirigente ing. Fiore interverrà alla Cerimonia di premiazione presso la sede di Microsoft a Peschiera Borromeo (Milano).

Annalisa Persico, docente di Informatica, racconta l’importanza di svolgere attività che riguardano il territorio e il sociale:

E c’è ancora una novità: la squadra “Next Generation” della scuola tra pochi giorni partirà per l’Olanda per disputare le finali europee del concorso internazionale “Zero Robotics”, promosso da alcune delle più importanti istituzioni scientifiche mondiali tra cui Mit, Nasa, Esa, Politecnico di Torino, Asi e che si svolgeranno ad Amsterdam il prossimo 17 gennaio. I ragazzi hanno già ottenuto il terzo posto in Europa sfidando in strategia e programmazione dei satelliti della Nasa altre squadre provenienti da varie nazioni del mondo. Il loro motto è “L’unico limite rimasto è la tua fantasia“.

Ad ottobre la scuola ha partecipato alla consultazione pubblica sulle riforme costituzionali. Grazie al modello di apprendimento intergenerazionale i ragazzi delle scuole e i “nonni” hanno compilato insieme il questionario e partecipato al processo democratico.
La testimonianza di Francesco Cammarota dell’Auser di Scampia

Ad aprile la scuola ha ospitato l’evento finale del progetto “Nonni Sud Internet”, che ha coinvolto 6 regioni del Sud Italia, 120 corsi di alfabetizzazione digitale, 8.000 cittadini over 60 coinvolti, 1.500 studenti tutor e 240 docenti coordinatori dei corsi.

Francesco Cammarota, 68 anni, di Napoli, ha vinto il premio come “Migliore volontario senior nei centri anziani” nel concorso “Volontari della conoscenza” nel 2012 con la seguente motivazione: “Al circolo Auser di Secondigliano-Scampia (Napoli) ha organizzato l’Internet corner per i suoi colleghi over 60 in tempi record e in modo funzionale. È un vero e proprio animatore digitale. Gli iscritti al centro anziani lo descrivono come determinato, motivato e coinvolgente. Vince un Ultrabook Acer”.

Per il momento ci fermiamo qui e nei prossimi giorni seguiremo i team di giovani progettisti (innovazione sociale e robotica) in trasferta ad Amsterdam e Milano.

Tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Comments are closed.