Fundraising: come raccogliere fondi con i social network

LaVoce.info, testata che si propone il ruolo di watchdog dell’informazione, analizza i principali strumenti messi a disposizione del non profit per la raccolta fondi.

Scrive Mariachiara Marsella, nell’articolo Fondi per il non profit? Passano dalla rete: “Nonostante il non profit rappresenti una pedina fondamentale nel panorama economico-sociale italiano, soprattutto nell’attuale contesto di crisi, non vi è ancora un piano strategico dedicato espressamente al reperimento di fonti di finanziamento. Le associazioni vengono lasciate da sole nella delicata fase del fundraising, attività che risulta normata solo negli aspetti strettamente fiscali”.

E intanto i grandi colossi del web, scrive anche il Redattore sociale, “danno dritte al non profit“. Da Google a Linkedin, passando attraverso i più noti social network, sono tanti e diversi gli strumenti offerti alle organizzazioni per raccogliere fondi o soltanto diffondere al meglio i propri messaggi.

donate-nowTra gli strumenti segnalati da Lavoce.info ci sono Google for nonprofitsYouTube,  Linkedin, Twitter e Facebook, che da dicembre ha creato nuove possibilità per il non profit con il nuovo tasto “donate now”.

A generare il maggior livello di interesse e coinvolgimento dei potenziali donatori (engagement) è il video: il 57 per cento degli utenti effettua una donazione dopo aver visto un video online.

Tagged , , . Bookmark the permalink.

Comments are closed.