Cittadini e nuove tecnologie: più web, social network e informazioni sanitarie

Fondazione-Mondo-Digitale-Facebook

L’Istat ha pubblicato il nuovo rapporto “Cittadini e nuove tecnologie“.
Nel 2013 aumenta rispetto all’anno precedente la quota di famiglie che dispone di un accesso ad Internet da casa e di un personal computer (rispettivamente dal 55,5% al 60,7%, dal 59,3% al 62,8%). Continua a leggere

Rifiuti hi-tech: i computer si possono rigenerare

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il volume di spazzatura hi-tech prodotta ogni anno nel mondo crescerà del 33% entro il 2017, anno in cui si raggiungerà la quota record di 65,4 milioni di tonnellate, in pratica un peso equivalente a quello di 200 Empire State Building o 11 piramidi di Giza. Lo rivela un rapporto della task-force Onu “Solving the E-waste Problem (StEP) initiative”, coordinata dall’università delle Nazioni Unite. Continua a leggere

Nomofobia

nomofobia

Il termine Nomofobia, di recente introduzione, è composto da nomo, che sta per no-mobile-phone, e fobia, paura (in senso patologico), e designa la paura incontrollata di rimanere sconnessi dal contatto con la rete di telefonia mobile.

Quotidiani e tv italiane hanno cominciato a parlarne circa un anno fa:
La Repubblica, Senza Rete e smartphone siamo perduti? Cresce la Nomofobia, paura dell’era digitale
Corriere della Sera, Ecco la nomofobia, così si chiama la paura di perdere il cellulare
Rai, Tg1, Se il cellulare diventa un’ossessione

Intelligenza o demenza digitale?

demenza

Nell’ultima settimana diversi quotidiani e settimanali hanno dedicato spazio all’ultimo lavoro dello psichiatra tedesco Manfred Spitzer dell’università di Ulm. Spitzer ha pubblicato con la casa editrice Corbaccio il volume Demenza digitale. Come la nuova tecnologia ci rende stupidi. E su Facebook è già disponibile un test per scoprire il proprio livello di demenza digitale. Continua a leggere

Troppe barriere a scuola

e

Oggi Poputus spiega le difficoltà degli studenti con disabilità ai lettori più giovani.
“Sono 84mila gli alunni disabili nelle scuole elementari. Uno su cinque, da solo, non è in grado di compiere semplici azioni come spostarsi, mangiare, lavarsi le mani. Serve l’aiuto di tutti”. Continua a leggere