Legge di stabilità: 10 mln di euro per sostenere l’artigianato digitale

Stanziati 10 milioni di euro dalla legge di stabilità (5 per il 2014 e 5 per il 2015) per sostenere progetti innovativi di “artigianato digitale” e promuovere la “cultura dei makers”. Lo prevedono due commi (56 e 57) dell’articolo 1 della legge 147 pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 27 dicembre.


Legge-stabilità-artigianatoIl testo della Legge 27 dicembre 2013, n. 147
I commi 56, 57 e 58
56. E’ istituito nello stato di previsione del Ministero dello sviluppo economico un fondo, con una dotazione pari a 5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2014 e 2015, destinato al sostegno delle imprese che si uniscono in associazione temporanea di imprese (ATI) o
in raggruppamento temporaneo di imprese (RTI) al fine di operare su manifattura sostenibile e artigianato digitale, alla promozione, ricerca e sviluppo di software e hardware e all’ideazione di modelli di attività di vendita non convenzionali e forme di collaborazione
tra tali realtà produttive.

57. Le risorse del fondo sono erogate ai beneficiari di cui al comma 56 che operano in collaborazione con istituti di ricerca pubblici, università e istituzioni scolastiche autonome pubbliche sulla base di progetti triennali da questi presentati attraverso procedure selettive indette dal Ministero dello sviluppo economico volti a sviluppare i seguenti principi e contenuti:
a) ricerca e sviluppo di software e hardware;
b) condivisione e utilizzo di documentazione in maniera comunitaria;
c) creazione di comunità on line e fisiche per la collaborazione e la condivisione di conoscenze;
d) accesso alle tecnologie di fabbricazione digitale;
e) creazione di nuove realtà industriali;
f) promozione di modelli di attività di vendita non convenzionali e innovativi;
g) condivisione di esperienze con il territorio;
h) sostegno per l’applicazione delle idee;
i) sostegno delle scuole del territorio attraverso la diffusione del materiale educativo sulla cultura dei «makers».

58. Entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, il Ministro dello sviluppo economico invia alle Camere una relazione che descrive gli effetti dell’applicazione dei commi 56 e 57.


Per approfondire

Tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Comments are closed.