Italian School Navigator, l’app per scegliere la scuola

Italian Schools Navigator descrive il sistema scolastico italiano in tutte le sue componenti: istituti, insegnanti, studenti, servizi e costi per ciascun territorio, usando gli open data disponibili sul sito del Ministero dell’Istruzione e della Ricerca.

Italian Schools Navigator.qvwL’applicazione sviluppata da Valerio Fatatis, specialist di Value Lab, si è aggiudicata il terzo posto nel concorso Take Action Open Data Challenge, indetto da QlikTech – leader nella Business Discovery, la Business Intelligence (BI) basata sull’utente – alle spalle di Do You Realize, che racconta l’impatto dell’uomo sul pianeta, e Adoption in Brasil.

“L’aspetto più pregnante della mia applicazione è che a fronte di una grande mole di informazioni, consente una navigazione agile e semplice, che permette all’utente di confrontare le scuole scegliendo tipologie e zone, e di visualizzare i risultati sulla mappa di Google, integrata nel sistema”, spiega Fatatis al quotidiano La Stampa. “Si parte dall’home page dove si trovano tutte le informazioni a livello italiano, visualizzate attraverso grafici colorati, che offrono una visione d’insieme anche con un semplice colpo d’occhio; poi si può scendere nel dettaglio, sul territorio, a livello di province, comuni, CAP o del singolo istituto”.

Oltre a raccogliere informazioni dettagliate su una o più scuole, è anche possibile comparare i risultati tra diversi istituti; salvare le proprie ricerche, per consultarle con un semplice click quando lo si desidera; e si possono realizzare presentazioni e power point con i dati raccolti navigando su “Italian Schools Navigator”.

Oltre che per famiglie e studenti, nella scelta della scuola migliore, l’applicazione può rivelarsi utile per gli addetti ai lavori. “Chi deve organizzare il corpo docente e gestire il patrimonio scolastico può utilizzarla per capire dove intervenire, quali sono le necessità di un determinato territorio e come soddisfarle”, conclude Valerio Fatatis.

Bookmark the permalink.

Comments are closed.