A Roma il calendario scolastico diventa interculturale

“Il cibo di strada: il piacere supremo del vero viaggiatore, la consolazione di chi si sposta per lavoro, la “svolta” dei giovani e dei poveri…” Così l’erborista Alba Staiano introduce l’Assaggenda 2014 che, come il Calendario interculturale 2014 realizzato dalla casa editrice Sinnos, quest’anno è dedicata al cibo di strada e alle ricette antispreco. Ma il cibo, in realtà, è solo un espediente per raccogliere dodici illustrazioni per dodici ricette per le festività di diverse religioni.

calendario_interculturale_2014_d0Il calendario, realizzato con il supporto del Tavolo interreligioso di Roma, è soprattutto uno strumento per costruire l’amicizia tra le culture giorno per giorno. Ed è questa una delle ragioni che ha spinto l’assessore alla Scuola e all’Infanzia di Roma Capitale, Alessandra Cattoi, a distribuire gratuitamente 8.000 copie del calendario “Sulla strada” nelle scuole romane. Alla riprese delle lezioni, dopo le festività natalizie, il calendario scolastico sarà così arricchito dalla ricorrenze cattoliche, ebraiche, ortodosse, cinesi, zen, buddiste, induiste ecc.

“In una città che si caratterizza sempre di più come un luogo multiculturale, come ci dimostra la composizione delle classi nelle scuole romane, sono da apprezzare tutte le iniziative che stimolino i più piccoli a riconoscere le differenze come un valore”, ha spiegato l’assessore Cattoi. “Anche il calendario può essere un messaggio di dialogo per creare un ponte tra le varie culture, in un modo simpatico e originale, attraverso la conoscenza di usi e abitudini di tanti popoli diversi”.

Per approfondire:

Bookmark the permalink.

Comments are closed.